TI PERDONO...

venerdì, febbraio 24, 2012 Pubblicato da JJ




















Il perdono è uno dei concetti più confusi che ci siano. 

In questo paese (e non solo) il perdonare qualifica, cioè ti fa passare per buono e caritatevole. 
Il non perdonare è visto come una forma di cattiveria, di mancanza di valori, un mettersi al livello della persona da perdonare. 
E' interpretato come un dono che fai alla controparte e non un regalo che fai a te stesso per il tuo bene. 
E' il concetto del 'Porgere l'altra guancia'. 

Ma... 

Perdonare non ti qualifica.
Non è da fighi, non è da sfigati, non è da buoni, non è da cattivi, non è da bravi cristiani, non è da atei, non è da forti e non è da deboli.  E' una scelta come un'altra. 

Perdonare non è sinonimo di giustificare. 
Non è che se mi racconti la fiaba dell'orso il tuo gesto bruto perde in brutalità, anzi, spesso la giustificazione è un peggiorativo del danno in sé. 

Perdonare non è sinonimo di condonare. 
Non è che nel momento in cui finisci di pronunciare la A di ScusA, a me scatta l'indulgenza plenaria istantanea e ego te absolvo come se la cosa non fosse mai successa.

Perdonare non è sinonimo di ricominciare. 
Perchè io posso perdonare te, il tuo gesto, ma non volerti più nella mia vita. 
Il mantenere un rapporto sociale con te è del tutto facoltativo e non  è in alcun modo una logica conseguenza del mio perdonarti. 

Cos'è il perdono?
E' il regalo piu' grande che possiate farVi. 
Perdonare, in buona sostanza è lasciar andare l'intera faccenda. 
La lasci ancorata nel passato senza riportarla costantemente nel tuo presente e futuro, per il semplice fatto che il risentimento nuoce solo a te e, per quanto ti sforzi, non ti è consentito di cambiare ciò che è accaduto in passato. 
E' successo, ne prendi atto e vai avanti.

Wayne Dyer ha detto:
"Nessuno è mai morto per il morso di un serpente. 
Non è il morso in sé che uccide. 
E' il sangue che circola nel TUO organismo che porta il veleno in tutto il corpo, causando la morte". 

Il tuo risentimento e l'assenza del perdono non sono cose che dipendono da chi ti ha fatto un torto. 
Sono una tua responsabilità, così come la sofferenza che stai provando in questo momento. 

Perdona il serpente che ha agito secondo la sua natura e fai in modo che il veleno smetta di circolare dentro di te. 

Tutto qui. 




Cri





Lascia un commento, i commenti anonimi non saranno pubblicati. Istruzioni su come fare a destra.

4 Response to "TI PERDONO..."

  1. Bucaneve tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    Se non vedo la cattiveria io perdono...che senso avrebbe non farlo? Se c'è la cattiveria depenno, manco morta che tengo duro, è una questione di dignità personale...
    Ho depennato parecchio e perdonato molto... e non me ne sono mai pentita! Molti perdoni mi hanno migliorato la vita....

    Posted on 25 febbraio 2012 21:00

     
  2. JJ tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    Io perdono TUTTI :)
    La scelta sta solo nel continuare a frequentare :)
    Un abbraccione!

    Posted on 26 febbraio 2012 04:52

     
  3. Bucaneve tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    Forse il concetto da te espresso è corretto: in effetti ho perdonato anche le cattiverie, però ho depennato chi me le ha fatte... ho perso ogni stima in loro!

    Posted on 26 febbraio 2012 14:39

     
  4. JJ tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    Nessuno dei miei concetti è corretto o sbagliato in senso assoluto. Questo concetto va bene per me, quindi è corretto per me! :)

    Posted on 26 febbraio 2012 17:17

     

Posta un commento

PLANET EARTH

Si è verificato un errore nel gadget