SCORRI-BANDA DEI SITI AMICI
Raccolta video

GNOCHI DE SUSINI

TUTO A OCIO. La ricetta piÃÆ’¹ inutile del Web!
GNOCHI DE SUSINI

TORTA DI CAROTE

BUONERRIMA!!!
TORTA DI CAROTE

I BISCOTTI DI ZIA MARINA

UN PO' INCASINATI MA VERAMENTE BUONI
I BISCOTTI DI ZIA MARINA

TORTA AL CIOCCOLATO ESTIVA

15.000 CALORIE A FORCHETTINA, MA NE VALE LA PENA!
TORTA AL CIOCCOLATO ESTIVA

DARE...

INNAMORATEVI

START SOMETHING NEW

MOVE

TERESUTA...

sabato, agosto 06, 2011 Reporter: JJ 4 Responses



 
Frasco o Frasca Segno tangobile che l'Osmica/Osmiza è vicina!



Tempo de Osmize... 

A imperitura memoria della mia meravigliosa giovinezza (che tuttora prosegue incessantemente), elargisco al mondo una delle più belle canzonacce mai scritte.

Io ho avuto la FORTUNA sfacciata di trascorrere qualche anno con delle persone stupende che, tra le altre cose, cantavano questa canzone con una maestria che mi è rimasta e mi rimarrà nel cuore fino alla morte! Adriano, Sandro, Stefano, Lorenzo, Paolo, Antonio, Raffaella, Barbara...



 TERESUTA


Xe gavèmo incontrado per fatal combinaziòn
mi imbriago ela disfàda nel giardin dela staziòn.
Dopo un mese la sposai , me ricordo un venerdì
su dei frati sèmo andai mi imbriago ela in candì.

Pena fora dela cièsa in gostilna sèmo andai
la sera mi e Teresa, tuti carighi e disfài.
Oh, Teresuta ti te ieri un miragio
l'ocio de vetro e la gamba de fagio,
altri difeti ti no te gavevi
ma te bevevi, ma te bevevi.

Ghe pasavo un bon mensile che la fazi de magnar
ma sta bruta imbriagona la me andava zò a ciuciar.
Dopo averme sbagazàdo per trincar anche el paion
con un altro petesèr la xe 'ndada a Monfalcon.

Una sera te la trovo proprio in zima del canal,
distirada iera in tel molo, soto el lume de un feràl.

Ghe gò ligado una piera sul colo
la gò butada a 3 metri dal molo,
là in te l'acqua un cocàl la pareva
e la beveva, ssai la beveva.

Iera tuta la contrada a quel tristo funeral,
iera el sinter de Gropada co la banda comunal,
proprio in zima del corteo iera 4 papagai
che cantava a squarciagola l'ino dei alcolizai.

Mi contrito dal dolore me gò fato un biberon
con dò litri de verona pò me son ficà in paion.

Oh, Teresuta, ti te son in paradiso
più non vedrò il tuo angelico viso
e pel dolor bevo come un imbuto
ma bevo nero perchè son in luto.

Pel dolor e pel rimorso mi no bevo squasi più
e se anca bevo un sorso sento un gropo che vien su
no poder andar de trita me fa come un crepacuor
per saver una de drita son andado del dotor.
Dopo averme visitado per davanti e per da drè
el dotor me gà ordinado de contar fin 33.

"Su giovinoto contatemi tuto"
mi fa e mi dice il dotor Canaruto
"ogi la scienza ogni mal la rimedia."
Ghe gò spiegado la mia tragedia.

Ma col tempo tuto pasa e pasà xe anche el dolor
diese giorni iero in cassa e torna son sul lavor.
Son un giorno capitado per fatal combinazion
imbriago e anche disfado nel giardin dela stazion.

Distirada sul mureto, chi te vedo, la Flonflon
el mio amore de muleto, co no iero imbriagon.
Ghe gò butado i brazi sul colo
e a far l'amor semo andadi sul molo
e da quel giorno no son più nervoso
e bevo bianco perchè me sposo.


Cri









CIAO...

sabato, agosto 06, 2011 Reporter: JJ 0 Responses





Elton John canta 
"Sorry seems to be the hardest word"...

Ma anche "Ciao" ha il suo grado di difficoltà! 



Cri





PLANET EARTH

Si è verificato un errore nel gadget