MAC GYVER MI FA UNA PIPPA!

venerdì, aprile 08, 2011 Pubblicato da JJ
OVVERO COME RIPARARE UN PORTICHINO TUTTO DA SOLE! 

Carissime amichette, questo post è dedicato a tutte voi, facenti parte del cosiddetto del SESSO DEBOLE.
In seconda istanza, questo post è dedicato a tutti gli amichetti con un messaggino subliminale allegato. Noi NON abbiamo BISOGNO di voi. Se stiamo con voi è perchè ci piace così! (hihihi risatina subliminale)



COME RIPARARE UN PORTICHINO DA SOLE


OCCORRENTE INVERNALE
  • 1 portichino del '15-'18 tutto ruggine e instabile.
  •  1 rosellina rampicante sorretta dal portichino
  •  170km/h di Bora
Lasciare che la Bora tranci uno dei pali che regge la rosellina rampicante così:


In questo modo l'arco sorretto dal palo di ferro si piegherà brutalmente e l'intera rosellina rampicante franerà a terra impedendo il passaggio di umani e animali più grandi di una pantegana.

FOTO: da sinistra: Pianta A planata rovinosamente fino al punto B (Non ho foto del disastro originale, dovete immaginarvelo).
Le frecce rosse indicano il palo spezzato.


OCCORRENTE PRIMAVERILE
  • 1 scala a 7 pioli
  • 1 scala a 4 pioli (se il portichino sovrasta 3 scalini come il mio, altrimenti scale gemelle andranno benissimo)
  • almeno 20mt di corda resistente
  • 1 bastone di legno lungo quanto basta (Preventivamente verniciato di impregnante)
  • spago grosso e fine
  • forbici da giardino
  • forbici normali
  • un gomitolo di TIEFIX
  • 1 o più viti o chiodo parecchio grossi
  • Guanti da lavoro spessi
  • abbigliamento casual e scarpe da ginnastica. NON si lavora sulle scala in ciabatte!
  • bibite e cicche se ne sentite la necessità


SVOLGIMENTO

Girare intorno alla struttura franata per almeno 30 minuti convincendovi che VOI POTETE FARCELA!
Iniziate a portare in giardino il materiale occorrente.

Per prima cosa, trovate 2 punti di appoggio e mettete in sicurezza l'intera struttura. Avete bisogno di due tiranti opposti qualora un altro palo di ferro si spezzasse mentre state lavorando. L'arco più alto e quello più basso devono essere legati da qualche parte. Inventatevi un posto! 

Prendere il chiodone o i chiodi e fissateli saldamente nel buco dove si è spezzato il palo. 
Lasciate che sporgano un pochino.
Sempre coi guanti da lavoro addosso, afferrate il palo e inseritelo sui chiodi in modo che facciano da perno.
Un palo di ferro piegato così, dritto non torna, quindi dovete fermarlo come vi ho detto. 
La foto sotto spiega meglio

I

Il chiodone o i chiodi non si vedono ma ci sono!

Sempre lasciando agganciati i tiranti, prendete altri due tranci di corda e legateli sopra entrambi gli archi dei portici. 
La corda legata all'arco superiore va sotto quello inferiore e viceversa.

Andando su e giù dalle scale, tirate le corde in modo che vi aiutino a sollevare quei 30 o 40 kg di pianta! Nessuno pretende alziate l'intera rosellina con la forza bruta... Hanno inventato le LEVE per questo. 

Aiutatevi con tutti i mezzi a disposizione. Appena riuscite a sollevare un pochino la pianta, fissate la corda, scendete e ficcate sotto la rosellina delle basi d'appoggio. Avete delle paretine che si aprono a rombo che non usate? Schiaffatele sotto momentaneamente, in modo che aiutino le corde a sostenere il peso dei rami. Avete delle mensole vecchie? Roba alta in cantina che può servire alla causa? Usatela! 

Una volta sollevata abbastanza la pianta, prendete il bastone lungo e recatevi alla scala grande. 
Il bastone dovrà appoggiare sopra i due archi, sostenendo la pianta. 
Eliminate eventuali rami che vi intralciano, ma no spolpate la rosellina. E' primavera, non è stagione di potatura! 

Infilate il bastone in cima all'arco opposto
Tenete bene saldo il bastone con la mano che preferite e iniziate a salire la scala.
Con la mano libera scostate i rami e fatevi spazio... 
Siate sempre sicure di poter usare la mano libera per appigliarvi alla struttura in caso di perdita di equilibrio. MAI salire su una scala con entrambe le manine occupate! 

Fate passare il bastone sopra l'arco. 
Questa è la parte più pesante... in tutti i sensi. Praticamente il bastone vi aiuta a sollevare l'intera pianta. PESA, ma VOI POTETE FARCELA! 

Una volta fatto questo, vi resta il lavoro di fino.

Legate con spago grosso il bastone a entrambi gli archi così


Sbattetevene allegramente le balle se è storto! Ovvio lo sia, avete un palo in diagonale! 
L'importante è che regga e che ci possa passare sotto la gente senza rischiare le corna!

VI SIETE MERITATE UNA PAUSA MERENDA... 
Mollate tutto e andate a farvela ! :)))


Quando tornate, eliminate i tiranti e riponete le corde.

Prendete lo spago sottile e tiratelo tra i pali, lungo il lato del portichino. Fatto questo, attorcigliate i rametti della rosellina rampicante attorno allo spago e lasciate che crescano in Grazia Di Nonno Almy. 



Se avete il Tiefix, bene. Io uso lo spago. Non sarà altrettanto estetico, ma quando dovete sbarazzarvene bastano un paio di forbicine e oplà. C'è da dire che compro spago figo di molte misure da TOSO [Incredibile drogheria triestina] e che la qualità è elevata!

Bene. Avete appena riparato il vostro primo portichino TUTTO DA SOLE! 
SIETE STATE BRAVISSIME e SONO MOLTO FIERA DI VOI.

Ora riordinate tutto, riponete scale e attrezzi, tornate a casa, fatevi un bagnetto di un'ora e tornate ad essere una donna!

Il lavoro finito dovrebbe venire circa così:





Cri



*Le foto fanno cagare e non me ne frega niente! hihihi



Lascia un commento, i commenti anonimi non saranno pubblicati. Istruzioni su come fare a destra.

2 Response to "MAC GYVER MI FA UNA PIPPA!"

  1. Rita T. tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    maròòòòòòò Cri che roba difficile, complicata.....io preferisco un'amaca e farmi un riposino!

    Posted on 9 aprile 2011 11:47

     
  2. Cristina tra un sorso di caffè e un biscotto, dice così,

    Vedrò di provvedere prossimamente!
    Vuoi che JJ MAC GYVER non sappia costruirsi un'amaca fatta in casa??????? hahahahah...

    Posted on 9 aprile 2011 14:39

     

Posta un commento

PLANET EARTH

Si è verificato un errore nel gadget